Home Tim TIM e Vodafone insieme: condivisione delle reti e sviluppo accelerato

TIM e Vodafone insieme: condivisione delle reti e sviluppo accelerato

TIM e Vodafone hanno annunciato ufficialmente oggi la partnership delle reti: si punta ad una copertura senza paragoni, ma le aziende rimangono separate

TIM e Vodafone insieme per il 5G e non solo: questo quanto annunciato oggi in conferenza stampa a Roma. I 2 brand della telefonia mobile, come era nell’aria ormai da Febbraio, condivideranno infatti le infrastrutture di rete per migliorare la copertura e la qualità delle reti in tecnologia 2G, 3G, 4G e 5G. Le due aziende rimarrano però distinte e separate per tutto il resto.

Vodafone e TIM al momento hanno rispettivamente circa 11 mila torri in Italia, TIM con INWIT e Vodafone, con una nuova società che andrà a nascere dalla scissione dal brand principale e che sarà denominata Vodafone Tower.

TIM attualmente possiede il 60% di INWIT, Vodafone possiederà inizialmente il 100% di Vodafone Tower. Successivamente avverrà la fusione delle 2 aziende sotto INWIT con un CdA che sarà composto da 13 membri e top managment nominato congiuntamente, 5 membri per TIM e 5 nominati da Vodafone e 3 consiglieri per le minoranze.

Come funzionerà la nuova rete di TIM e Vodafone? Sara suddivisa in regioni: 10 regioni saranno coperte da TIM, altre 10 da Vodafone. I clienti di entrambi i gestori sfrutteranno quindi le infrastrutture del gestore presente in quella regione.

Quali sono i benefici? Oltre ad un risparmio economico, l’unione dei 2 big della telefonia con le rispettive aziende di gestione torri, creerà una delle più grandi reti d’ Europa e consentirà di accelerare lo sviluppo, sopratutto per quanto riguarda il 5G e di diminuire sempre più velocemente il digital divide in Italia. Inoltre si libereranno molti siti in esubero ove sono installate attualmente antenne.

Durante la conferenza è stato inoltre chiarito che, le infrastrutture saranno adeguate per supportare il traffico di entrambi in gestori in una determinata regione, sia che sia gestita da TIM, che da Vodafone. Pertanto, non ci saranno differenze a detta dei due gestori, per gli utenti finali.

Non noti, al momento, i tempi tecnici per attuare l’operazione.

Sul palco sono intervenuti oggi Aldo Bisio, AD di Vodafone e il suo omologo, Luigi Gubitosi per TIM. Presente anche Giovanni Ferigo di INWIT.