Home Editoriale Netflix: aumento per gli abbonamenti Standard e Premium

Netflix: aumento per gli abbonamenti Standard e Premium

Scatta da oggi 2 ottobre l’aumento dei prezzi dei piani Standard e Premium di Netflix. Il portavoce Netflix: “L’aumento è necessario per continuare a dare contenuti di qualità ai nostri abbonati

La notizia era nell’aria già da un po’, ma oggi arriva l’ufficialità da parte di Netflix: i piani più acquistati, Standard e Premium, a partire da oggi subiranno un rincaro rispettivamente di 1 euro e 2 euro.

Di conseguenza, il piano Standard passa da 11,99 euro a 12,99 euro e quello Premium passa da 15,99 euro a 17,99 euro. La rimodulazione del canone mensile partirà da oggi 2 ottobre per i nuovi iscritti; per gli utenti con un abbonamento già attivo, invece, il canone aumenterà a partire dal prossimo 9 ottobre.

Gli abbonati verranno avvisati tramite e-mail e riceveranno anche una ulteriore notifica all’interno della App 30 giorni prima della variazione di prezzo. I tempi, pertanto, varieranno sulla base del ciclo di fatturazione del singolo abbonato.

Resta invece invariato il piano Base, al momento offerto a 7,99 euro al mese.

In merito all’aumento dei prezzi dei due piani Netflix, così si sono espressi i portavoci del colosso dello streaming:

Il nostro obiettivo principale è offrire un’esperienza di intrattenimento che superi le aspettative dei nostri abbonati. Stiamo aggiornando i nostri prezzi per riflettere i miglioramenti che apportiamo al nostro catalogo di film e di show e alla qualità del nostro servizio e, cosa ancora più importante, per continuare a dare più opzioni e portare valore ai nostri abbonati. Proponiamo diversi piani di abbonamento affinché ciascuno possa trovare l’opzione più soddisfacente per le proprie esigenze

L’aumento sembrerebbe essere giustificato anche dalle produzioni prettamente nostrane sulle quali Netflix ha puntato negli ultimi anni (Generazione 56K e Skam, per citare i due più popolari) e sulle quali continua ancora ad investire; sono infatti diverse le serie Netflix italiane attualmente in produzione, che verranno inserite nel catalogo presumibilmente a partire dal 2022.

Come reagiranno gli utenti a queste rimodulazioni del canone mensile? È presto detto. Nei forum e nei gruppi a tema serpeggia già il malcontento e in tanti sono concordi nel dire che la qualità auspicata da Netflix non è poi stata riscontrata nei prodotti rilasciati sulla piattaforma, pertanto non ritengono giustificati gli aumenti. Tanti altri, invece, valutano la disdetta dell’abbonamento e la migrazione verso alte piattaforme, come, per esempio, Amazon Prime Video.

Insomma, non è escluso che Netflix, con questa mossa, possa perdere qualche utente lungo la strada. In ogni caso, la nostra redazione continuerà a seguire la vicenda.

Articolo precedenteAmazon Ban: alcune aziende cinesi coinvolte hanno avviato una causa
Articolo successivoVodafone, rimodulazione +1.99€ sulla rete fissa e aumenta il costo di spedizione fattura
Classe '92, adoratrice di cagnolini, food lover e scribacchina appassionata. Impugna la penna come una spada ed è convinta di conquistare il mondo un articolo alla volta.