Home Tecnologia Huawei e lo sguardo alle nuove reti 6G!

Huawei e lo sguardo alle nuove reti 6G!

5G? Acqua passata. Per Huawei la nuova sfida è il 6G

🔖 Articolo in collaborazione con @notiziae

Mentre in tutto il mondo si lavora per poter ottimizzare e rendere facilmente accessibile a tutti la nuove reti 5G, Huawei guarda avanti e si prepara per le reti di nuova generazione.


Cari lettori, avete capito bene…

Se è vero che esiste un’ Italia a due velocità, l’Italia tutta, all’estero è comunque meno veloce dei paesi più all’avanguardia. Perché mentre nel bel paese gli abitanti dei comuni più piccoli ancora sperano di ricevere una copertura LTE decente, sognando chissà un giorno di poter assistere all’avvento del 5G (ormai realtà nelle grandi città di tutto il mondo), lo sviluppo tecnologico non aspetta, e corre più veloce che può.

Fonti vicine alla cinese Huawei rivelano infatti che l’azienda sarebbe pronta a lanciare, in collaborazione con l’agenzia spaziale cinese, dei nuovi satelliti per iniziare a testare reti ad una velocità pari a 50 volte quella delle reti 5G!

La necessità di lanciare dei satelliti per il corretto funzionamento della nuova banda, sorge da una caratteristica fisica delle nuove reti: l’alta frequenza. Questa infatti sarà tale da necessitare di satelliti spaziali, non basteranno le classiche stazioni base grazie alle quali ci interfacciamo alle reti attuali.

Già pronti per il 6G?

Non esattamente.
Certo, il lancio dei due satelliti targati Huawei avverrà probabilmente molto presto: l’azienda fiduciosa indica luglio 2021 come una possibile data, ma attualmente si è ancora in una fase preliminare e sperimentale. Il tutto dovrebbe essere pronto in maniera concretamente utilizzabile per il 2029/2030, c’è ancora molto da aspettare.

È una corsa al primato:

Se quindi l’Italia attende di portarsi al passo come prima dicevamo, le grandi aziende lottano per arrivare prime. Huawei lo fa per assicurarsi di essere un’azienda leader nei prossimi anni e certo non è la sola a gettare lo sguardo sul futuro. Già negli scorsi mesi LG si è mossa assicurandosi contratti, collaborazioni e istituendo centri di ricerca, dove il futuro si costruisce e sembra essere più vicino di quanto ci possa sembrare.

Antonio Della Sala

🔖Puoi seguire gli sviluppi di questa e altre notizie su @notiziae – l’unico canale Telegram d’informazione sempre aggiornato e senza pubblicità

 

 

Articolo precedenteVinted, tutti ne parlano: perchè sta spaccando e perchè il second hand è importante?
Articolo successivoSpagna: decreto legge prolunga la garanzia degli smartphone