Fusione Wind e 3: a rischio 1500 posti

wind 3 fusione

Con la fusione tra Wind e 3 Italia 1500 persone potrebbero perdere il posto

[wp_ad_camp_1]

Siamo certi che questa fusione tra Wind e 3 Italia, due colossi tra gli operatori virtuali, porterà in Italia dei cambiamenti sia per la competizione con le altre aziende che per il miglioramento delle infrastrutture. Tuttavia quando due aziende si uniscono c’è il rischio che ci siano dei tagli al personale, cosa che sembra essere destinata a succedere con questa fusione.

Il matrimonio ormai ufficializzato tra Wind e 3 Italia siamo certi che porterà delle note positive nel panorama italiano delle telecomunicazioni. Così dopo aver deciso la nuova struttura dirigente, è inevitabile che ci sia in arrivo una ristrutturazione interna che porterà inevitabilmente ad una riduzione del numero dei dipendenti provenienti da entrambe le società. Fonti attendibili rivelano infatti di essere a conoscenza dell’operazione che porterebbe ad una riduzione del personale di circa il 16% del totale dei dipendenti, nonché quasi 1500 posti.

[wp_ad_camp_1]

Il tutto dovrebbe iniziare durante la prima metà del 2017, dove l’azienda cercherà con un piano di esuberi volontari di invitare i propri dipendenti a lasciare volontariamente la propria posizione, con “scivoli” ed incentivi economici. Per quanto riguarda il budget che l’AD Maximo Ibarra avrebbe previsto dovrebbe essere, sempre secondo le stesse fonti, di circa 500 milioni di Euro, con l’incentivo che potrebbe arrivare fino a quattro annualità di stipendio. Ovviamente se non si sarà raggiunta la cifra di esuberi ritenuta necessaria, inizieranno probabilmente le operazioni di tagli e licenziamenti.

Un’altra possibilità potrebbe nascondersi dietro l’entrata del “quarto operatore” sul mercato italiano come vi avevamo parlato in questo articolo. La presenza di quest’ultimo potrebbe aiutare ad assorbire questi esuberi e a diminuire il più possibile il rischio di perdere il posto di lavoro da parte dei dipendenti.

[wp_ad_camp_1]

Tariffando.it
Logo