Home Editoriale Nuovo Governo: si investirà subito su 5G e Fibra grazie ad un...

Nuovo Governo: si investirà subito su 5G e Fibra grazie ad un grande nome delle TLC

Tra i sette obiettivi posti dal nuovo governo Draghi, sono presenti anche maggiori investimenti su 5G e fibra per aiutare la digitalizzazione del paese.

Il nuovo presidente del consiglio Mario Draghi ha stilato sette obiettivi fondamentali per rilanciare il paese a seguito della crisi economica causata dalla pandemia di coronavirus e per la modernizzazione di quest’ultimo. Tra i temi toccati troviamo anche la transizione digitale del paese, che porterà a maggiori investimenti sull’infrastruttura mobile 5G e reti a banda larga. Ma andiamo a vedere quali sono in modo specifico i sette punti fondamentali del governo Draghi:

  1. Riduzione carico fiscale: il piano del governo Draghi è quello di ridurre il carico fiscale sui redditi sotto i 50.000 euro e di introdurre nuove norme contro l’evasione fiscale. Il governo si è prefissato anche l’obiettivo di razionalizzare un contesto fiscale che possa favorire maggiormente gli investimenti.
  2. Rafforzare economia green: 77 miliardi di euro saranno stanziati dal governo Draghi per poter rafforzare l’economia ambientalista. Le politiche esecutive calcoleranno l’impatto sull’economia circolare, si occuperanno della riduzione delle emissioni e punteranno ad una sostenibilità ecologica nel lungo periodo.
  3. Transizione digitale: 40 miliardi di euro saranno stanziati dal governo Draghi per aiutare la transizione digitale del paese. Il neo ministro Vittorio Colao, ex ad di Vodafone ha pianificato il completamento della rete a banda larga oltre che un potenziamento generale dell’infrastruttura mobile 5G. Nei piani anche una modernizzazione della Pubblica Amministrazione, la digitalizzazione delle scuole e il cablaggio della totalità delle aree del paese.
  4. Riforme sull’istruzione: il governo ha anticipato la riscrittura totale della parte dedicata dal Recovery Plan all’istruzione. Prevista l’introduzione di riforme a costo zero come la valutazione degli insegnanti e l’introduzione di criteri di merito e di efficienza. Si pensa anche ad una riformazione del calendario scolastico con un possibile aumento di ore di lezioni per recuperare il gap di lezioni perse a seguito della pandemia di coronavirus.
  5. Maggiore efficienza cause civili: previsto un potenziamento della giustizia civile. Mercoledì dovrebbe svolgersi il voto per l’abrogazione della riforma Bonafede che prevede l’abolizione dopo il primo grado.
  6. Accelerazione sui cantieri: il governo Draghi si è imposto anche di accelerare la costruzione di opere pubbliche.
  7. Piano vaccini: Mario Draghi punta ad una piattaforma unica nazionale dedicata al piano vaccinazioni. L’obiettivo è quello di effettuare circa 300.000 vaccini al giorno, coinvolgendo i medici di famiglia e 70.000 sanitari che potrebbero fare da soli 400.000 vaccinazioni al giorno.