Home Editoriale Inquinamento digitale: dalla webcam accesa allo streaming in alta definizione

Inquinamento digitale: dalla webcam accesa allo streaming in alta definizione

Webcam accesa durante le videochiamate? Meglio di no, a spiegarci il perché è l’università americana di Purdue. Ecco lo studio condotto

La fruizione di internet inquina l’ambiente, è risaputo, ma cosa inquina di più? A darci delle spiegazioni è l’università americana di Purdue. Con la pandemia, l’utilizzo di applicazioni come Zoom, Google Meet e simili, è aumentando sensibilmente, e con esso, anche l’inquinamento: dallo studio condotto scopriamo che un’ora di videoconferenza fa emettere al computer fra i 150 e i 1.000 grammi di anidride carbonica e richiede fra i 2 e i 12 litri di acqua. Numeri da capogiro, ma cosa possiamo fare per ridurre l’impatto sull’ambiente? Dalla ricerca condotta dall’universita di Purdue, è emerso che spegnere la webcam durante le videochiamate può ridurre del 96% l’inquinamento emesso.

Le videochiamate, tuttavia, non sono l’unica fonte di emissioni nocive: un altro nemico dell’ambiente? Lo streaming in alta defizione. In questo periodo di pandemia, tutti noi abbiamo visto film e serie TV su siti come Netflix, inconsapevoli dell’inquinamento arrecato all’ambiente. Lo studio, conferma infatti, che l’utilizzo dello streaming in alta definizione inquina notevolmente, registrando numeri di C02 pari a quelli emessi dalle videoconferenze. Fortunatamente, contribuire alla decrescita delle emissioni nocive è possibile anche in questo caso: non vi consigliamo di certo di smettere di guardare film e serie, ma come riportato dallo studio di Kaveh Madani, ridurre la qualità dello streaming (da alta definizione a standard) riduce sensibilmente l’emissione di anidride carbonica.

“Sappiamo dell’impatto ambientale positivo portato dall’abbandono della carta, ma nessuno conosce il vantaggio nello spegnere la videocamera o nel ridurre la qualità dello streaming. Quindi, senza il consenso degli utenti, queste piattaforme stanno aumentando l’impatto ambientale dei singoli utilizzatori”, ha detto Kaveh Madani che ha condotto lo studio.

 

VIABusinessinsider
Articolo precedenteLotteria degli scontrini, tutte le date delle estrazioni mensili
Articolo successivoCashback, stop alle furbate: in arrivo un nuovo algoritmo