Home Recensioni iClever 6 Port USB Desktop Quick Charger: la recensione

iClever 6 Port USB Desktop Quick Charger: la recensione

iClever 6-Port USB charger è un caricatore a cui si possono collegare fino a 6 device contemporaneamente.

Le tecnologie SmartID e Quick Charge 3.0 non gli fanno invidiare nulla rispetto ai prodotti della concorrenza che se unite ad una costruzione solida ed un design elegante, rendono questo iClever un prodotto ben riuscito.

CONFEZIONE Nel classico stile iClever, la confezione minimale di cartone contiene solamente il caricatore,
una presa per alimentarlo, un semplice manuale illustrativo e la garanzia del prodotto.

COSTRUZIONE Punto a favore di questo hub è sicuramente la costruzione in plastica dura che da un forte senso di
solidità (205g di peso). Sul fondo sono presenti due gommini che permettono di avere un buon grip sulla superficie in cui lo si poggia.
Peccato per la rifinitura lucida, poco oleofobica, anche se esteticamente apprezzabile.

FUNZIONAMENTO La tecnologia SmartID (presente in 5 delle 6 porte USB) permette di identificare il device collegato
e la massima potenza che esso è in grado di gestire. In questa maniera si garantisce la velocità di ricarica per ogni device
gestendo la corrente erogata (2.4 A per ogni singola porta fino ad un massimo di 8.4A totali).
L’altra porta, di colore rosso, è di tipo Quick Charge 3.0, di conseguenza adatta ai dispositivi Qualcomm anche se supportano
vecchie versioni come la QuickCharge 1.0 o 2.0 ed eroga fino a 3A. È inoltre presente un led per assicurarsi che l’hub di ricarica sia acceso e funzionante.

CONCLUSIONI Prodotto riuscito sotto ogni punto di vista, anche sotto sforzo non scalda eccessivamente ne emette ronzii o altro.

[amazonbox id=B01FHCMH24 tag2=y]


📱 Cerchi la tariffa perfetta per il tuo smartphone? O preferisci scoprire le migliori offerte Fibra? 👨‍💻

📰 Seguici su Telegram e su Google News per non perderti un articolo a tema risparmio.

Articolo precedenteChoetech caricatore da tavolo Quick Charge: la nostra recensione
Articolo successivo3: a partire da lunedì, aumentano i costi di gestione