Home WindTre 3 bloccherà la pubblicità su internet: predica bene e razzola male

3 bloccherà la pubblicità su internet: predica bene e razzola male

La notizia del giorno riguarda 3 UK e H3G Italia pronte a bloccare la pubblicità su internet a livello di rete. Ma l’operatore come ne esce da tutto ciò?

Questa mattina 3 UK ha tirato fuori un comunicato stampa in cui annuncia l‘implementazione a livello di rete di un ad-block pronto a far fuori tutti gli spot pubblicitari presenti su internet, tale comunicato coinvolge anche il partner Italiano H3G. Una scelta molto criticabile per vari motivi, lodabile per altri e visto che non ci piace dare comunicati stampa sterili, come spesso fa il resto di internet, diremo pure le nostre idee al riguardo.

Prima di tutto è ovviamente importantissimo sottolineare che si tratta di un qualcosa in corso di realizzazione e di cui ad oggi non si conoscono le funzionalità offerte nella maniera più totale.

I nostri pareri:

  • In primo luogo, si tratterà di una connessione “manipolata”, filtrata e ripulita a dovere, una cosa a nostro parere poco bella, ma che porta parecchi vantaggi di risparmio banda all’operatore e al cliente.
  • Uccide internet: molti dei servizi oggi presenti sul web si autofinanziano grazie alla pubblicità. Servizi che altrimenti sarebbero a pagamento. Ci sono dei siti che esagerano con la pubblicità, è vero,  ma ci sono anche dei siti che ne fanno un uso accorto, un tale sistema, se blocca tutti i banner penalizza tutti. Oggi invece chi gestisce male gli ads viene punito dall’utente stesso, che smette di seguire il sito. Sarebbe ben più interessante un sistema che invece vada a bloccare solo gli Ads fastidiosi, quella sarebbe vera rivoluzione e 3 UK sarebbe da lodare.

h3g_spam
Predicare bene e razzolare male?
  • Infine, rimanendo sul tema ads fastidiosi, 3 può davvero permettersi di volere un web senza pubblicità? A nostro parere, 3 dovrebbe prima guardare “a casa sua”. Tra tutti gli operatori (e abbiamo veramente tante SIM) quelle di 3 sono quasi giornalmente bombardate da pubblicità via SMS inviata dal gestore stesso. Quindi, speriamo che il filtro ad block a livello rete funzioni a dovere e blocchi pure e per tutti le comunicazioni commerciali del gestore e dei partner collegati.

 

Articolo precedenteeSIM in arrivo: cambio operatore con un tocco!
Articolo successivoTeclast X98 Plus, il tablet ibrido a soli 185€ su Gearbest
Fondatore di questo sito, appassionato di tecnologia e "malato" di smartphone e telecomunicazioni da sempre. Classe 1992, mi piace scrivere, esporre le mie idee, confrontarmi e il giusto mix tra tutto questo equivale a Tariffando