Home Tre Wind Tre adesso è cinese

Wind Tre adesso è cinese

La commissione Europea dice OK al controllo esclusivo di Hutchison per Wind Tre: la join venture è ora 100% cinese

La recente fusione tra Wind e Tre è ormai cosa fatta da tempo, e mentre le reti continuano lentamente a fondersi in una sola e iliad (nata dalla frequenze in esubero vendute dai due gestori) compie 3 mesi di esercizio, la commissione ha finalmente dato l’OK definitivo al controllo di WindTre da parte di Hutchison.

WindTre è quindi oramai 100% cinese, visto e considerata la recente uscita di scena della società Russa Veon. “La decisione odierna conferma che le misure correttive strutturali accettate dalla Commissione per autorizzare la creazione di Wind Tre nel 2016 sono risultate efficaci. Hanno non solo tutelato ma anche incentivato la concorrenza sul mercato italiano delle telecomunicazioni mobili. Affinché i consumatori italiani possano continuare a fruire di servizi mobili di elevata qualità a prezzi equi, è importante garantire che tali misure siano pienamente attuate” è quanto dichiarato da Margrethe Vestager, commissaria Europea per la concorrenza.

Hutchison ha inoltre ribadito gli impegni intrapresi con iliad: il nuovo gestore avrà a disposizione le infrastrutture di WindTre in roaming per 10 anni. Tempo previsto e necessario ai “Francesi” per realizzare una rete capillare e affidabile nel “belpaese”.