Stop definitivo alla fatturazione ogni 28 giorni: il decreto diventa legge

Il decreto fiscale è adesso legge, addio fatturazione ogni 28 giorni: gli operatori hanno 120 giorni per adeguarsi alla fatturazione mensile

Il 14 novembre 2017,  la Commissione Bilancio del Senato approvò l’emendamento che blocca la fatturazione ogni 28 giorni, ma solo ieri, 30 novembre 2017, si è concretizzata la fine di tale fatturazione, con l’approvazione da parte della Camera dei Deputati. Finalmente il decreto è legge,  non ci resta dunque che dire addio alla fastidiosa fatturazione ogni 28 giorni che  obbligava ogni utente a pagare 13 mensilità, con un aggravio dell’8,6%.

Gli operatori telefonici, le Pay TV e servizi di comunicazione elettronica avranno 120 giorni per adeguarsi alla fatturazione mensile. Coloro che non si adegueranno entro il tempo previsto riceveranno sanzioni che vanno da un minimo di 240.000€ ad un massimo 5 milioni di euro. Ma non finisce qui: se gli operatori non si adegueranno entro i giorni previsti, verrà applicato un rimborso all’utente pari a 50€ una-tantum, maggiorato di 1€ per ogni giorno successivo alla scadenza del termine assegnato dall’Agcom.

Dalla legge sono esclusi  gli abbonamenti non rinnovabili o inferiori al mese e i gestori di  luce e gas, poiché, in questo caso “i costi sono vincolati ai consumi”.  La fatturazione ogni 28 giorni è un capitolo chiuso in maniera definitiva, speriamo però che il ritorno alla fatturazione mensile non provochi fastidiosi aumenti dei canoni.

⚡️ Per non perdere una news, ricordatevi di seguirci su Telegram, riceverete una notifica ad ogni super offerta disponibile!