Home Vodafone I “segreti” della rete Vodafone

I “segreti” della rete Vodafone

Vodafone ha spiegato come ottimizza la sua rete grazie alle moderne tecnologie in modo da garantire un servizio impeccabile

Solitamente ci occupiamo dei gestori (e di tutto il resto) guardando più il lato “risparmio”: è però da chiarire un concetto che è quasi una nostra pietra miliare: il risparmio senza qualità non va da nessuna parte. E Vodafone questo sembra saperlo bene, almeno per quanto riguarda la sua rete. Certo, non si può dire che le tariffe di Vodafone (almeno quelle da listino, che forse più nessuno guarda) siano economiche, ma sulla qualità della sua rete in Europa non si può batter ciglio nella maggior parte dei casi.

Nella giornata di ieri, siamo stati ospiti di Vodafone a Milano ove si è tenuta una interessante conferenza stampa con i media. Oltre a Giga Network e Unlimited RED+ di cui vi abbiamo già parlato, Fabrizio Rocchio e Andrea Rossini hanno esposto in modo molto chiaro delle curiosità sulla rete Vodafone che ci piace condividere con voi visto il nostro animo da “tech lover”.

I dati – Sono sempre di più le persone connesse che usano internet in mobilità, con un esponenziale aumento del video streaming sul “piccolo” schermo degli smartphone odierni. Aumenta inoltre di mese in mese l’uso della rete 4G con dispositivi con hardware e software sempre più performante.

La tendenza ad un aumento di consumo di dati sul mobile è una tendenza presente in tutta Europa. Siamo invece stranamente controcorrente con le chiamate, in Europa stanno diminuendo, mentre in Italia si mantengono stabili, con una media di 15 minuti giornalieri ad utente, media che si abbassa leggermente per i giovani (non viene dichiarata l’età, ma sicuramente si parla di Under 30).

Per quanto riguarda i dati, mediamente si consumano 10GB al mese per utente.

COME FUNZIONA LA RETE VODAFONE

Il gestore ha presentato la sua rete come una rete oramai pronta al 5G, tecnologia che probabilmente vedrà la luce nel 2019, una rete che viene oggi denominata 4.5G da Vodafone che altro non è che un’ “anteprima” del 5G.

Quello che più ci ha colpito è stata la totale ottimizzazione e modernità delle infrastrutture che oggi risultano essere tutte Cloud Based: questo consente a Vodafone di avere una rete scalabile,  sempre pronta ad accogliere nuovi servizi e che si adatta alle esigenze dell’utenza. In parole povere, una rete basata sul Cloud può facilmente essere potenziata in base alle necessità degli utenti, spostando le risorse ove servano, si pensi ad esempio ad un concerto, una località di vacanza o situazioni simili. Inoltre, consente anche un notevole risparmio energetico: grazie a questo innovativo sistema è possibile risparmiare energia elettrica decidendo dinamicamente le infrastrutture che servono e quelle che invece non servono.

Ma come fa Vodafone a decidere dinamicamente cosa serve e cosa non serve? Il gestore ha dichiarato di utilizzare un sistema BIG DATA BASED che analizza 28 miliardi di parametri ogni giorno, creando statistiche e metriche anonime ed affidabili e smart in grado di migliorare il servizio ed ottimizzare il consumo energetico: in particolare ci è stato fatto vedere come si muovono nei periodi di ferie Romani e Milanesi e come la rete si adatta dinamicamente per servire località desolate in inverno ed iper affollate nei mesi estivi.

Senza l’analisi dei BIG DATA e senza un sistema cloud based tutto questo non sarebbe possibile: ci si ritroverebbe ad avere dei server accesi magari a Roma sempre con la stessa potenza sia di giorno che di notte, sia nei periodi di alto e basso traffico e viceversa.

Non mancano poi tecnologie avanzate come il VoLTE che consente una chiamata con qualità audio cristallina e noise reduction su rete 4G, avanzate tecnologie di cambio cella per evitare le fastidiose cadute di chiamate, MiMO 4×4, tecnologia wireless che sarà ulteriormente migliorata con il 5G e tanto altro. Tutte le tecnologie utilizzate da Vodafone sono il frutto di studi effettuati in tutta Europa, tra questi importanti tecnologie portano il nostro tricolore!

Insomma, la rete di Vodafone ci soddisfa e riteniamo che il gestore stia investendo tanto su di essa per migliorarla continuamente: non ci resta che attendere il 5G per vedere cosa e come cambierà il mondo delle Telco e, visto che gli altri gestori non si sono mai espressi, ci piacerebbe saperne di più su come sono fisicamente fatte le loro reti, cosi da avere un metro di paragone.