Home Tim TIM e Wind disattivano e rimborsano i clienti coinvonti da anomale attivazione...

TIM e Wind disattivano e rimborsano i clienti coinvonti da anomale attivazione di servizi a sovrapprezzo

TIM e Wind hanno avviato un’indagine interna: disattivazione automatica e rimborsi ai clienti colpiti da servizi a sovrapprezzo non richiesti e attivati in maniera anomala

TIM e Wind stanno rimborsando gli utenti colpiti da attivazioni di servizi a valore aggiunto non richieste e avvenute in modo anomalo, in particolar modo su SIM non-human, ovvero quelle utilizzate su dispositivi come tracker GPS, allarmi, caldaie e altri dispositivi di IoT.

 

wind

Wind non ha rilasciato nessuna dichiarazione in merito alle disattivazioni e ai rimborsi, si è solo limitata ad avvisare via SMS gli utenti coinvolti, rimborsandoli.

TIM ha invece aggiunto la seguente nota al suo sito web:

Errate attivazioni dei servizi Premium
In relazione a taluni fenomeni di attivazioni non richieste di servizi premium su SIM collocate in dispositivi inidonei alla fruizione degli stessi (come allarmi, caldaie, ecc.), TIM – estranea a tali eventi – ha avviato immediatamente gli approfondimenti necessari per la propria tutela, anche al fine di individuarne le cause e le responsabilità. Stiamo conseguentemente provvedendo al rimborso di tutti gli addebiti erroneamente effettuati sulle SIM coinvolte. Sono inoltre in corso di adozione ulteriori misure tecniche cautelative per impedire la reiterazione di tali fenomeni.

Come richiedere il rimborso
  • Chiamando il Call Center Unico al numero verde 800.44.22.99
  • Inviando un SMS gratuito al 119 con testo “reclamo servizi VAS non richiesti”
  • Chiamando il 119.

Proprio a TIM avevamo segnalato nei mesi scorsi tale problema, avvistato su una SIM di nostra proprietà, installata su un tracker GPS TIM Tag e non estraibile. Avevamo condiviso la questione con i nostri lettori sulla nostra pagina Facebook.

Insomma, tutto bene quel che finisce bene, suppur, a nostro parere, sarebbe proprio buona norma bloccare di default tali servizi su tutte le SIM di tutti i clienti e sbloccarli solo a chi li richiede esplicitamente: probabilmente si tratterebbe di una piccolissima minoranza, visto che i servizi offerti nella maggior parte dei casi sono di dubbia utilità, ad alto costo e di conseguenza utilizzate da percentuali di utenti infinitesimali.