Home Tim 5G: Tim rende possibile il primo intervento chirurgico a distanza

5G: Tim rende possibile il primo intervento chirurgico a distanza

È stato eseguito a Terni il primo intervento chirurgico a distanza, che ha visto la collaborazione del professor Palazzini, collegato tramite rete 5G in diretta streaming 4K da Roma

È una vera pietra miliare della tecnologia quella che è stata posata ieri, destinata a rivoluzionare l’intero futuro della medicina. Siamo a Roma e, nello stesso tempo, siamo a Terni. Giorgio Palazzini, professore della III Clinica Chirurgica Sapienza Università di Roma che da oltre trent’anni si interessa di telemedicina, ha potuto collaborare con l’equipe del professor Chang-Ming Huang dell’Università Fujian Medical di Fuzhou (Cina), che stava eseguendo a Terni un intervento in laparoscopia.

Grazie alla rete iper veloce di Tim, il professore ha potuto seguire da presso l’operazione, monitorare costantemente i parametri vitali del paziente e, grazie a videocamere a 360° ad altissima definizione, ha potuto zoomare i punti d’interesse e l’organo sottoposto all’operazione. Tutto ciò è stato reso possibile dalla rete 5G di Tim, che ha dato una grande prova di sé con una trasmissione dati ad altissima velocità e un tempo di latenza pressoché nullo, quasi vicino allo zero.

Questo è solo l’inizio di una nuova era, oltre che di teledidattica, in tutte le branche mediche,” ha commentato il professor Palazzini “ma il suo futuro prossimo sarà la chirurgia da remoto grazie ai robot e al 5G con tempi di latenza praticamente nulli. Il che vuol dire operare pazienti ricoverati in qualsiasi ospedale dotato di connettività 5G e robot.

Come a dire: ciò che fino anche solo ad un paio di anni fa consideravamo fantascienza, oggi, grazie a Tim, è diventato realtà. La tecnologia applicata alla medicina e alla robotica procede spedita come un treno e le interconnessioni tra i vari organi sono sempre più solide e veloci. A tal proposito, si dice molto soddisfatta Elisabetta Romano, Chief Innovation & Partnership Officer di Tim.

Oggi è stato compiuto un importante passo avanti nel mondo della chirurgia, grazie alla sinergia tra le competenze tecnologiche e quelle della sanità del futuro,” ha commentato Romano, aggiungendo quindi che “grazie alla 5G Digital Business Platform, la piattaforma innovativa di Tim che abilita i servizi digitali, e alle caratteristiche specifiche del 5G insieme alla robotica, all’intelligenza artificiale e all’Internet of Medical Things si stanno definendo scenari sfidanti e Tim vuole dare il proprio contributo alla crescita del Paese ed estendere al più ampio numero di persone la conoscenza e le tecniche all’avanguardia disponibili in questo ambito.

L’intervento, unico nel suo genere e che si presta ad essere un precedente eclatante, è stato seguito in diretta multistreaming da oltre 30 mila chirurghi collegati da ogni parte del globo e dagli oltre 2.500 tra medici, chirurghi e addetti al settore presenti all’interno dell’Auditorium Massimo di Roma, radunati in occasione del 30° Congresso Internazionale di chirurgia dell’apparato digerente.