Home Tim 4G: L’Italia ora più vicina ai 300 Mega

4G: L’Italia ora più vicina ai 300 Mega

Il 4G in Italia aumenta ancora la sua velocità, raggiunta ora la soglia dei 300 Mega: la connessione superveloce cambierà la nostra vita

Il 4G continua a crescere in Italia, siamo vicini alla soglia dei 300Megabit. Meglio di noi in europa Germania, Regno Unito e Paesi scandinavi.

4g

 

Il 4G come già sappiamo è la nuova tecnologia di connessione superveloce su cui si basano gli ultimi smartphone usciti in questo periodo. Le reti sono già pronte per il nuovo livello di velocità ma ancora non tutti i dispositivi come appena detto supportano questo tipo di connessione.

L’Italia nell’ultimo anno ha fatto passi davvero molto importanti dal punto di vista dell’utilizzo e della copertura di questa nuova tecnologia anche se quest’ultimo rimane forse il problema fondamentale per il completo inserimento del 4G nel nostro paese. Come sappiamo infatti non tutto il territorio nazionale è coperto da questo tipo di connettività. In Europa alcuni paesi hanno fatto meglio di noi con percentuale di copertura superiore o quasi totale. Per motivi burocratici l’Italia ha iniziato un po’ in ritardo rispetto agli altri paesi europei trovandosi quindi svantaggiata in partenza.

Gli stessi operatori italiani TIM, Vodafone, 3 Italia e Wind hanno cercato di rendere disponibile il 4G per i loro clienti:

Vodafone dichiara una copertura di 4200 comuni (rispetto ai 200 dell’anno scorso) con il 4G e 300 con il 4G+ a 225 Mbps. La rete sembra essere pronta dunque ma il bacino d’utenza ancora non è sufficiente, si aspetterà quindi la fine del 2015 per un ulteriore aggiornamento. Telecom copre “oltre l’80 per cento” della popolazione con il 4G, in 3630 comuni e in 117 comuni ha il 4G+ a 225 Mbps.

3 Italia e Wind sono coprono circa il 40 per cento della popolazione. 3 Italia dice di aver lanciato il 4G in “alcune città” da gennaio, ma punta al 2016 per una vera espansione territoriale. Wind lancerà il 4G+ l’anno prossimo, ma può già offrire i 150 Megabit sulla propria copertura 4G (invece di 100 Megabit) perché ha ottenuto all’asta ministeriale 20 MHz nella banda 2600 MHz. Gli altri operatori invece danno 100 Megabit o, su una copertura inferiore, i 225 Mbps con il 4G+

L’Europa chiede ora a tutti di accelerare, per dare più frequenze alla banda larga mobile. È notizia di questa settimana la decisione della Commissione europea che obbliga tutti i Paesi a liberare, entro sei mesi, la banda 1452-1479.5 MHz (la cosiddetta Banda L) per potenziare la velocità di download del 4G.

Sembra dunque tutto pronto per il passaggio completo da parte di tutta la popolazione al 4G. E mentre tutta l’Europa si accinge al passaggio definitivo al 4G, la realtà è che questo tipo di connettività sembra essere già stata “superata” dagli studi sul nuovo 5G.

Non mancheremo di informarmi su ulteriori novità.